OBS: Du er nu offline

Il contratto collettivo in Danimarca

A differenza di molti paesi dell’Unione Europea, non c’é una legge in Danimarca che sancisce il salario minimo, l’orario di lavoro etc. In Danimarca, queste cose sono regolate dai contratti collettivi.

I contratti collettivi sono contratti stipulati tra i sindacati e le organizzazioni di categoria dei datori di lavoro o le singole imprese. Questi contratti, che spesso sono libri di oltre 100 pagine, contengono le regole riguardanti il tuo contratto, gli orari di lavoro, gli straordinari, il salario minimo orario, la pensione, gli abiti da lavoro, la paga in caso di malattia, la paga durante la paternitá o maternitá, la paga a cottimo (akkord), la collaborazione tra lavoratori e impresa, le condizioni per gli studenti e molto altro.

Il contratto collettivo copre chiunque lavori nella ditta

I contratti collettivi sono stipulati dai sindacati e pertanto dagli iscritti ai sindacati, ma definiscono le regole e i diritti di chiunque lavori nella ditta che ha sottoscritto il contratto, indipendentemente dal fatto che siano iscritti o meno al sindacato. Circa l’80% della forza lavoro danese é coperta da un contratto collettivo.

Il sindacato lotterá per ottenere un contratto collettivo

Se un’impresa non vuole firmare un contratto collettivo con il sindacato, il sindacato puó decidere di iniziare un conflitto con l’impresa. Gli iscritti al sindacato che lavorano nell’impresa hanno la possibilitá di scioperare, mentre gli iscritti di altre imprese, che collaborano con l’impresa in conflitto, possono interrompere la collaborazione. Questo puó voler dire che gli addetti ai rifiuti non raccolgono piú la spazzatura, o che il tir con i materiali non arriva in cantiere. Per fortuna, la maggior parte delle imprese sottoscrive contratti collettivi senza problemi, e intorno al 75% di tutte le imprese in Danimarca hanno firmato un contratto collettivo.

Ci sono le stesse regole per tutte le nazionalitá

I contratti collettivi danesi si applicano a chiunque lavori nell’edilizia, indipendentemente dal paese di origine dell’impresa o dei lavoratori, e il sindacato richiede la sottoscrizione di un contratto collettivo a tutte le imprese che incontriamo in un cantiere in Danimarca. Il contratto collettivo pone un limite minimo che l’impresa deve pagare al lavoratore. Questo garantisce che la concorrenza tra imprese non mandi i salari in una spirale al ribasso, fino ad arrivare al punto in cui sarebbe impossibile sostentarsi attraverso il lavoro edile in Danimarca.

Se sei in dubbio se l’impresa per cui lavori ha firmato un contratto collettivo, contatta il sindacato. Ti comunicheremo l’esistenza di un contratto collettivo anche se non iscritto.

Il sindacato combatterá per far rispettare il contratto collettivo

Una volta che il contratto collettivo é stato firmato, il sindacato fará tutto il possibile per garantire che venga rispettato. Tuttavia é difficile per il sindacato far rispettare questi contratti, in mancanza di iscritti attivi. Pertanto é centrale per il nostro lavoro, che tutti si iscrivano al sindacato, e si uniscano nella lotta per delle migliori condizioni di lavoro. Puoi informarti riguardo al sindacato su: https://tema.3f.dk/it/bjmfimmigrant/about-the-union

Qui puoi informarti sul cosa fare, se credi che il tuo contratto collettivo non venga rispettato (in inglese): https://tema.3f.dk/bjmfimmigrant/new-in-denmark/has-the-collective-agreement-been-broken

Ci sono molti contratti collettivi differenti

I contratti collettivi sono in vigore per chiunque lavori nell’edilizia. Tuttavia, ci sono contratti diversi per diversi settori. Uno per i muratori, uno per i carpentieri, uno per i roofers, uno per gli isolatori, uno per chi lavora con costruzioni in cemento e cosí via. Puó essere difficile scegliere quello corretto, in particolare se lavori per esempio sia come muratore che come imbianchino. Il sindacato aiuta i suoi iscritti a capire a quale contratto collettivo fanno riferimento, e aiuta a capirne il contenuto.

Puoi leggere i contratti collettivi che sono stati tradotti in inglese qui: https://tema.3f.dk/bjmfimmigrant/documents/collecticve-agreements

I contratti collettivi vengono rinegoziati ogni tre o quattro anni

I contratti collettivi vengono rinegoziati ogni tre o quattro anni. Se i sindacati non riescono a trovare un accordo, ci sará un conflitto in cui centinaia di migliaia di lavoratori entreranno in sciopero. L’ultima volta é avvenuto nel 1998, dove abbiamo ottenuto 5 giorni di vacanza aggiuntivi (le giornate FF), oltre alle cinque settimane di ferie regolari. 

Puoi leggere di questo sciopero qui (in inglese): https://tema.3f.dk/bjmfimmigrant/new-in-denmark/are-you-allowed-to-strike

I contratti collettivi hanno piú di 100 anni

Questo sistema di regolare i salari e le condizioni lavorative in Danimarca attraverso i contratti collettivi ha ormai piú di 100 anni, e risale a prima del suffragio universale e della democrazia in Danimarca. 

Qui puoi leggere sulla storia dei contratti collettivi qui (in inglese): https://tema.3f.dk/bjmfimmigrant/about-the-union/a-brief-history-of-the-danish-workers-movement